Gen 29 2021

Italia. Si moltiplicano le occupazioni delle scuole

Da Nord a Sud si moltiplicano le proteste degli studenti e le occupazioni di plessi scolastici, contro DaD e gestione governativa dell’emergenza.

Continue reading


Nov 20 2020

Napoli. Indagate nove persone per la mobilitazione del 23 ottobre

Image may contain: one or more people, people standing and crowd

20 novembre 2020

Nei giorni scorsi la procura di Napoli ha aperto un fascicolo a carico di nove ragazzi per la mobilitazione del 23 ottobre 2020 con gravissime accuse: devastazione e saccheggio aggravati dalla matrice camorristica e dalla finalità terroristica eversiva.

Continue reading


Ott 30 2020

DOPO 8 MESI DI CORONAVIRUS ESPLODE LA PROTESTA

L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi, albero e spazio all'aperto, il seguente testo "STA CRISI VOSTRA non PAGHEREMO! La"

30 ottobre 2020, di Laboratorio Politico Iskra

Negli ultimi giorni, a partire dalla sera di Venerdì 23, è finalmente esplosa la protesta attorno alle misure relative al contenimento del contagio da Coronavirus. Non usiamo a caso queste parole: è da tempo che diciamo e crediamo che un malessere diffuso era dilagato in diversi settori della nostra società e finalmente è esploso.

Continue reading


Ott 28 2020

Pandemia, economia e crimini della guerra sociale. Stagione 2, episodio 1: la schiuma

Pubblicato il 28 Ottobre 2020 su carmillaonline.com

di Sandro Moiso, Maurice Chevalier e Jack Orlando

“L’unico attore sociale che ancora mancava nella crisi più clamorosa della modernità è dunque arrivato in scena, presentandosi a Napoli: è il ribellismo che scende in piazza […] contro tutto, la Regione, il governo, le regole, la prudenza, la paura, in quanto è fuori dal sistema, alla deriva in un luogo sconosciuto della politica dove anche il contratto tra lo Stato e i cittadini pare non avere più valore […] Come Napoli ha anticipato, qualcuno fa i conti con il costo di questa emergenza infinita, questa precarietà permanente, questa instabilità costante, scopre che il costo è alto almeno quanto il rischi del contagio, e presenta il saldo al potere.

Continue reading


Ott 28 2020

POZZUOLI : PAZIENTI COVID COSTRETTI A RESTARE ORE NELLE AMBULANZE!

L'immagine può contenere: una o più persone e spazio all'aperto

28 ottobre 2020

Non ci piace ricorrere a immagini così forti per sostenere le nostre tesi. Pensiamo che il sensazionalismo mediatico e, più in generale, le prassi dei media mainstream siano tossiche per la comprensione, l’analisi e il cambiamento dello stato presente.

Continue reading


Ott 27 2020

DPCM: LA PROTESTA SI DIFFONDE IN TUTTA ITALIA. COSA STA SUCCEDENDO? ALCUNE VOCI DALLE PIAZZE

27 ottobre 2020

Manifestazioni di protesta si diffondono in tutta Italia contro la gestione dell’emergenza sanitaria e il nuovo dpcm in vigore. Migliaia in piazza a Napoli, un migliaio a Torino, centinaia a Milano. Manifestazioni anche a Palermo e Catania. A Torino e Milano scontri con la Polizia.

Continue reading


Ott 26 2020

Stato di rianimazione

26 ottobre 2020

Continua ad avvitarsi la crisi generale – sanitaria, economica, istituzionale. La rivolta di Napoli, gli ospedali chiusi, il rinnovo dei contratti di logistica e metalmeccanici, le carceri. Siamo appena all’inizio. E comincia a sentirsi il puzzo dello spettro del semi-lockdown, che sarà peggio del primo.

Continue reading


Ott 26 2020

Protesta al CAS di Terzigno

26 ottobre 2020 – La pandemia di sars-covid19 ha mostrato in Italia con la massima chiarezza, se ancora ce ne fosse stato bisogno, la realtà del sistema concentrazionario di gestione delle persone che migrano, chiamato impropriamente e ipocritamente, anche a sinistra, “accoglienza”. Con il pretesto di presunte misure sanitarie hanno intensificato il mortifero filtro delle frontiere, l’immediato isolamento e segregazione delle persone al momento dello sbarco o del rintraccio ai confini, negli hotspot e sulle navi prigioni, i trasferimenti coatti, la reclusione di massa in strutture sovraffollate, la ripresa delle deportazioni, il controllo militare e poliziesco dei vari campi di concentramento, causando così il conseguente prevedibile insorgere di focolai di contagio, usati dai partiti per inasprire ulteriormente queste misure.

Continue reading


Ott 24 2020

Napoli: una rivolta per non morire

24 ottobre 2020

Abbiamo scritto a caldo nella notte su quanto stava succedendo a Napoli su facebook: “La piazza di questa notte a Napoli forse è stata di pancia, contraddittoria, ambigua, stratificata come la società in cui viviamo, come il suo rovescio. Ma a Napoli stanotte si è rotta l’ipocrisia dietro cui si nasconde l’incapacità di chi ci governa, il fallimento di questo modello economico di fronte al virus, la violenza che per mesi chi è stato lasciato indietro ha dovuto subire.”

Continue reading


Ott 24 2020

CARICATI MANIFESTANTI, LAVORATORI E DISOCCUPATI A NAPOLI

L'immagine può contenere: una o più persone e spazio all'aperto, il seguente testo "EMPORION POLZA POLIZIA POLIZI"

24 ottobre 2020

Centinaia di persone al concentramento della manifestazione contro Confindustria a piazza dei Martiri nella giornata nazionale dei lavoratori e delle lavoratrici combattivi. Mentre molti manifestanti erano già in movimento, distanziati e in sicurezza, verso la Prefettura e la Regione i cordoni della polizia hanno impedito al resto del corteo di muoversi.

Continue reading


Ott 24 2020

NAPOLI: “TU CI CHIUDI – TU CI PAGHI”. IN MIGLIAIA PER LE STRADE DURANTE IL PRIMO “COPRIFUOCO”.

24 ottobre 2020

Serata e nottata di proteste – e di scontri – a Napoli, in concomitanza con il via al “coprifuoco” notturno dalle ore 23 alle ore 05. Una misura disposta da un’apposita ordinanza regionale firmata dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, sulla scorta di quanto già deciso in Lombardia dal presidente del Pirellone, Attilio Fontana. Migliaia le persone che non hanno rispettato l’imposizione di rientrare nelle proprie abitazioni, sfilando in più punti della città. Nel mirino: palazzo Santa Lucia, sede della Giunta regionale della Campania.

Continue reading


Ott 23 2020

Napoli. “Tu ci chiudi, Tu ci paghi!” Proteste e scontri per il coprifuoco.

23 ottobre 2020

di Magnammece o Pesone

“Tu ci chiudi, Tu ci paghi!” Uno degli striscioni esposti nello spezzone di corteo diretto alla regione campania riassume forse meglio di ogni altra cosa le rivendicazioni e le tensioni sociali che sono esplose infine stasera. Migliaia di persone in piazza San Domenico (nella stragrande maggioranza con mascherine e attenzione a rifuggire ogni lettura “negazionista”), centinaia, forse un migliaio che poi si sono recate sotto la regione Campania in quella che è stata la prima violazione di massa del coprifuoco. Tensioni che sono divampate in momenti di scontro e di rabbia sotto palazzo Santa Lucia.

Continue reading


Ott 5 2020

Un convegno contro il carcere. Napoli 7-8 Novembre 2020

Tratto da https://combattereilcarcere.noblogs.org/

COMBATTERE IL CARCERE. Un convegno contro il carcere.

Tra passato e presente, le lotte dentro, le lotte fuori, la prospettiva di distruggerlo.

Perché un convegno contro il carcere?

Continue reading


Ott 1 2020

Modena. Sabato 3 ottobre alziamo la testa!

1 ottobre 2020, da https://www.facebook.com/combattereilcarcere

Sabato 3 ottobre mobilitazione a Modena
Non dimentichiamo le morti in carcere durante le rivolte di marzo, non lasciamo solo/a chi è colpito/a dalla repressione.

leggi il documento: MODENA CAPITALE DELLA REPRESSIONE

Continue reading


Set 28 2020

Le lotte per la casa e il piano delle periferie a Napoli. La storia di Nanà dei Censi


28 settembre 2020

In nessun altro periodo della storia recente italiana è emersa con maggiore chiarezza l’importanza del welfare pubblico. I tagli e le privatizzazioni imposti dalle politiche di austerity a sanità, scuola, pubblica amministrazione e politiche della casa si sono tradotti in diseguaglianza e crisi economica diffusa, messi in evidenza dalla pandemia Covid ma già largamente presenti sul territorio. Come è quasi sempre successo, anche ora la crisi non si sta traducendo in un’inversione di rotta: le dinamiche estrattive del capitale stanno già dirottando i finanziamenti pubblici per l’emergenza verso le grandi corporation dei farmaci, delle costruzioni, della gig economy e verso le lobby del turismo e dei trasporti. Tuttavia una nuova consapevolezza della logica suicida del sistema capitalista si è estesa a strati della popolazione che non ne erano mai stati sfiorati, e alcuni dogmi sono inesorabilmente incrinati. Uno di questi riguarda l’abitare: il mercato immobiliare ha perso ogni credibilità come regolatore di un diritto fondamentale dell’uomo.

Continue reading