Ago 26 2020

Finte assunzioni per intascare la cassa integrazione Covid, tremila aziende nel mirino dell’Inps.

26 agosto 2020. Sarebbero oltre tremila le aziende italiane i cui dipendenti avrebbero ricevuto indebitamente la cassa integrazione da crisi Covid. Lo rivela il sito Huffpost. Secondo l’inchiesta di fine luglio, che prende in considerazione la cig varata per contrastare gli effetti della crisi da Covid da aprile a giugno, le 3075 aziende nel mirino degli ispettori Inps avrebbero attuato assunzioni fittizie prima del 17 marzo di quest’anno, quando scattò il decreto Cura Italia. Nel mazzo ci sarebbero anche imprese costituite ad hoc per poter dare un appannaggio a parenti e amici.

Continue reading


Giu 22 2020

Marcegaglia Ravenna: ennesimo accordo per prolungare la cassa integrazione Covid19, in aggiunta ai 180 dipendenti Marcegaglia a casa dal 26 di marzo in CIG

22 giugno 2020

Il 28/05 la Direzione Marcegaglia Ravenna ha incontrato le RSU e le loro Organizzazioni Sindacali (FIOM, FIM, UILM i soli chiamati dalla Confindustria e da Marcegaglia in quanto firmatari dell’accordo sulla rappresentanza, in poche parole sindacati di comodo) e hanno firmano l’ennesimo accordo per prolungare la cassa integrazione Covid19 che va ad aggiungersi ai 180 dipendenti Marcegaglia a casa dal 26 di marzo in CIG.

Nel loro comunicato:
– NON abbiamo letto nulla sulle varie cooperative in appalto alla Marcegaglia, ai soci lavoratori o così chiamati, dove ci risulta che su 500 solo 50 sono in cassa integrazione e che i loro responsabili li fanno lavorare a rotazione mentre i dipendenti Marcegaglia sono a casa da quasi quattro mesi in CIG.
– NON scrivono che il Centro Servizi è in sofferenza con pochi ordini e con poche ordinazioni, anche se negli ultimi anni non ha mai messo personale in cassa integrazione.
Inoltre il consorzio creato qualche anno fa della Marcegaglia è composto da tante piccole aziende che si occupano di manutenzione dei vari macchinari nelle linee di produzione e tutte dipendono dallo stesso consorzio che da poco ha vinto anche l’appalto della movimentazione dei terminali Marcegaglia all’interno del porto.
A sua volta dipende dalla storica cooperativa Ravvenate che opera da circa 30 anni all’interno dello stabilimento Marcegaglia. Anche i lavoratori, dipendenti della azienda che ha perso l’appalto, sono stati assorbiti dal consorzio e svolgono turni lavorativi di 12 ore insieme ai soci e dipendenti della cooperativa.
La cooperativa gestisce tutti i sub-appalti delle ditte, sia del consorzio sia quelle non consorziati; queste assumono dipendenti con contratti di somministrazione presso agenzie locali nel ravvenate con contratti da 2/3 ore ma in realtà ne svolgono pure 12/13.
Sempre se qualche dipendente della ditta in appalto e subappalto alla cooperativa storica non gli è simpatico perché magari nel periodo lavorativo ha avuto dei problemi familiari per cui si è assentato dal lavoro, la cooperativa storica comunica all’azienda “nuova” che questo lavoratore non dovrà più lavorare all’interno dello stabilimento Marcegaglia in quanto fosse non idoneo, a sua volta l’azienda che ha perso l’appalto non può licenziare il lavoratore in quanto il contratto non lo permette, quindi lo trasferisce nella sede legale a 350 km di distanza, tutto ciò in collaborazione con qualche sindacato che firma l’accordo. Tutto ciò dopo 12 anni di lavoro dentro lo stabilimento;
– NON abbiamo letto nel comunicato dei 3 sindacati confederali, chiedere all’azienda
in collaborazione col servizio sanitario locale o il loro medico locale, i test sierologici o i tamponi nasofaringei/orofaringei a parer nostro necessari. E’ preoccupante quanto scritto sui quotidiani locali che un collega è stato trovato positivo (ed è stato messo in quarantena) mentre altri 3 colleghi son stati allontanati.
Il protocollo aziendale prevede che a chiunque entri nello stabilimento sia misurata la temperatura e nel caso superi 37 gradi sia rimandato a casa. Ma se rimandi indietro un camionista che arriva dall’est Europa, questo se ne tornerà a casa?
– I grandi impianti non sono mai stati fermi, ma l’azienda con la scusa di evitare assembramenti continua la produzione sotto organico. In questo modo i lavoratori sia per lo stress correlato al lavoro sia per i turni massacranti non hanno la giusta sicurezza nelle linee di produzione, che ricordiamo non stanno maneggiando plastica o cartone ma bensì lamiere. Ne testimoniano i vari infortuni capitati negli ultimi anni, sia quelli molto gravi sia quelli di piccola-media entità aimè molto attuali, oppure i mancati infortuni purtroppo dimenticati nei comunicati dei 3 sindacati e
dalle loro RLS.
E infine non dimentichiamo l’ultimo grave infortunio accaduto al collega che salendo dalla stiva per andare sul ponte è scivolato dalla scala, spaccandosi il femore con 40 giorni di prognosi, ma sicuramente gli verrà proposto di chiudere l’infortunio come accade spesso negli ultimi anni per non ricorrere a problemi di aumento premio Inail e di ulteriori verifiche degli ispettori della medicina del lavoro, proponendo al lavoratore una sistemazione temporanea nell’ufficio sicurezza Intanto la sede generale Marcegaglia di Gazoldo Degli Ippoliti in data 16/06/20 comunica che a causa Covid-19 la cassa integrazione sarebbe iniziata il 23/03/20 e la data del termine sarebbe stata provvisoriamente il 31/08/20 per tutti i dipendenti delle società del gruppo Marcegaglia.
– Scrivono che dovranno discutere degli avanzamenti di qualifica; ma nel contratto di secondo livello del 2011, attualmente ancora in essere, hanno firmato che alla direzione l’avanzamento di qualifica si deve proporre 2 volte all’anno, ma tutto ciò non succede, dovrebbero esser riconosciute per meritocrazia e non secondo simpatia dei capi reparto verso alcuni lavoratori o per favorire qualche sindacato e altri no;
– Stesso discorso per il contratto aziendale di 2° livello, che è stato rinnovato un anno dopo, accontentando i lavoratori e le lavoratrici con qualche briciola mentre il costo della vita ogni giorno, ma di tutto ciò i sindacati confederali ne parlano ma non fanno nulla;
Per la FLMUniti-CUB tutti i lavoratori, a prescindere dalla provenienza o colore, hanno gli stessi diritti e non solo doveri, per questo CHIEDIAMO all’Azienda e ai Sindacati Confederali Interni (riconosciuti dalla Confindustria e dalle aziende) di rispettare e far rispettare i contratti da loro firmati, in particolare quello previsto nel testo unico art. 81/2008 e tutti i suoi articoli.
Continueremo ad osservare a denunciare, pur rischiando di venire licenziati com’è successo qualche mese fa ad un lavoratore rappresentante per la sicurezza (RLS) molto scomodo sia ai sindacati confederali sia soprattutto alla Marcegaglia.

Ravenna, 26/06/20

Federazione Lavoratori Metalmeccanici Uniti
Confederazione Unitaria di Base

***
FONTE: https://www.cub.it/index.php/174-organizzazioni-cub/flmuniti-cub-metalmeccanici-telecomunicazioni/13895-marcegaglia-ravenna-ennesimo-accordo-per-prolungare-la-cassa-integrazione-covid19-in-aggiunta-ai-180-dipendenti-marcegaglia-a-casa-dal-26-di-marzo-in-cig


Mag 1 2020

Se possiamo lavorare, possiamo scioperare! Il primo maggio di lotta dei facchini della logistica

1 maggio 2020

Quando alle sette e venti di ieri mattina hanno spento i macchinari, dando il via a un’azione di lotta durata oltre due ore, diversi facchini della TNT dello stabilimento di Teverola hanno aperto i loro gilet fluorescenti arancioni, ostentando provocatoriamente la maglia con su scritto a grandi lettere “HERO”, che la multinazionale Fedex gli aveva fatto recapitare qualche giorno prima. Quando l’hanno ricevuta, i lavoratori dello stabilimento campano hanno pensato si trattasse di uno scherzo, anche perché agli “eroi” che in queste settimane di quarantena hanno continuato a lavorare per assicurare la distribuzione dei generi di prima necessità – ma anche dei beni superflui passati per le loro braccia, come televisioni, lavatrici, o piastre per capelli – l’azienda si è rifiutata fino a questo momento persino di anticipare la cassa integrazione, lasciandoli di fatto senza stipendio da fine febbraio.

Continue reading


Apr 27 2020

Lavorare, consumare, morire.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

da Cannibali e Re

Lavorare, consumare, morire.
Questo è quello che oggi, più chiaramente che mai, ci permette la legge.

Continue reading


Mar 30 2020

Coronavirus: Vediamo cosa dice la circolare N°47 Inps per l’utilizzo della Cig per Covid-19 a cura della CUB di Legnano.

30 marzo 2020

Con la circolare N° 47 del 28-3-2020 l’Inps chiarisce e rende operativo il decreto del 17 marzo in materia di utilizzo della cig per Covid-19 e non mancano alcune novità. (modulistica in allegato x la cig in deroga). Ricordiamo che questa Cig per Covid-19 ha carattere di straordinarietà che supera molte norme normalmente previste dalle leggi vigenti.

Vediamo in dettaglio

Continue reading