Nov 4 2020

Aspettando rivolte: grande è il disordine sotto i Dpcm, ma la situazione è quella che è

4 novembre 2020

Le proteste contro il lockdown che stanno attraversando l’Italia ci restituiscono l’immagine di un paese sull’orlo di una crisi di nervi. Non stupisce allora che in molti, anche nel movimento, si improvvisino psicanalisti che, notoriamente, sono dei pazienti che tendono a curare gli altri per non curare se stessi. Trascinati da un desiderio alla deriva, violentemente attaccato a quell’oggetto sfuggente e recalcitrante chiamato lotta di classe, finiamo per vederla ogni qualvolta si manifesti un sussulto, un vetro rotto o, se non altro, un po’ di possibile. Mentre si consuma il rito un po’ introverso degli scioperi autunnali, una voce chiama nel deserto: tu ci chiudi, tu ci paghi, dice, e l’odore inebriante del reddito garantito si diffonde nell’aria, appena un po’ rarefatta da fumogeni di varia provenienza.

Continue reading


Mag 23 2020

Laboratorio Landauer. Perché abbiamo scelto di far parte di “Catania per il Reddito di Quarantena”

Da Laboratorio libertario Landauer, 23 maggio 2020

Proprio durante l’inizio del Lockdown abbiamo voluto partecipare alla costituzione di  Catania per il Reddito di Quarantenaassieme ad altre realtà, compagne e compagni catanesi con cui collaboriamo da anni nonostante le diversità. Abbiamo ritenuto importante promuovere questo percorso comune per costruire assieme momenti di libero incontro e confronto orizzontale, per organizzare mobilitazioni che denuncino l’ingigantirsi della crisi economica e del controllo sociale scaturiti “apparentemente” dall’emergenza Covid19.

Continue reading


Mag 17 2020

100% SALUTE 100% SALARIO 100% DIGNITÀ

Condividiamo e diffondiamo nella speranza che anche a livello territoriale  si possa trovare l’auspicabile unitarietà nella condivisione delle lotte diversamente da quanto troppo spesso è stato fatto fin ora.

Continue reading


Apr 27 2020

Lavorare, consumare, morire.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

da Cannibali e Re

Lavorare, consumare, morire.
Questo è quello che oggi, più chiaramente che mai, ci permette la legge.

Continue reading