Una compagnia di Gig Economy lancia una piattaforma simile a Uber, ma per lo sfratto delle persone

21 settembre 2020

Stati Uniti. Una società chiamata Civvl dice che lo sfratto delle persone è “il migliore mezzo per far soldi grazie al Covid-19”. “COL COVID-19 MOLTI AMERICANI SONO DECADUTI IN TUTTI GLI ASPETTI”, si legge sul sito dell’azienda. Ma non si tratta di una petizione per chiedere un’aiuto per l’affitto. Invece, è un invito da una società chiamata Civvl per “Essere assunto come squadra di sfratto”.

In un periodo di grande difficoltà economica e generale, Civvl vuole essere, essenzialmente, come la piattaforma Uber, ma per sfrattare le persone. Cogliendo una caduta nell’occupazione causata dalla pandemia e un enorme aumento del numero di persone che non possono pagare l’affitto, Civvl mira a rendere più facile per i proprietari di case assumere piattaforme interattive e agenti di sfratto come lavoratori a pagamento per sfrattare le persone morose.

Helena Duncan, un’avvocato di Chicago che partecipa anche alle lotte per la casa, ha visto un post su Craigslist del Civvl mentre cercava lavoro. L’annuncio l’ha allarmata.

“E’ uno schifo che ci saranno persone della classe operaia in difficoltà che saranno attratte da lavori come il pignoramento di mobili o il servizio per un’azienda come la Civvl, sfrattando i compagni della classe operaia dalle loro case in modo da potersi pagare a loro volta l’affitto”, ha detto a Motherboard.

Nei suoi annunci su Craigslist, pubblicati in tutto il paese, Civvl spiega chiaramente l’opportunità: “C’è un sacco di lavoro a causa del triste andamento dell’economia”.

“La disoccupazione è a un livello record e molti non possono o semplicemente non pagano l’affitto e le ipoteche”, affermano gli annunci. “Siamo stati ingaggiati da proprietari di immobili frustrati e da banche per garantire proprietà residenziali pignorate”.

Civvl mira a sposare la gig economy con la devastazione sociale creata dalla pandemia, attraverso un linguaggio studiato che abbina concetti come “sii il capo di te stesso” e “orari flessibili” alla “ricerca di individui auto-motivati con atteggiamenti positivi”. “FARE SOLDI PIÙ VELOCEMENTE GRAZIE AL COVID-19 “, dice il suo sito web.“Nei prossimi mesi saranno necessari letteralmente migliaia di server processuali per le sentenze dei tribunali (di pignoramento o sfratto) che dovranno essere notificate agli imputati”.

Il sito contiene anche una citazione, attribuita al New York Times: “Troppe persone hanno smesso di pagare l’affitto e il mutuo pensando che non sarebbero state sfrattate”. Una ricerca rivela che questa frase non è apparsa sul Times. L’azienda non ha risposto alle richieste di una fonte per questa citazione, ma da allora la menzione del Times è scomparsa dal suo sito web.

L’azienda, a prima vista, sembra essere una specie di scherzo: mettere i lavori precari contro persone vulnerabili. Ma Civvl è collegata a una società di economia reale e di grandi dimensioni chiamata OnQall, che si descrive come una App che fornisce “servizi su richiesta alle comunità non urbane al di fuori delle principali aree cittadine”. OnQall è lo sviluppatore dietro altre applicazioni più famose come LawnFixr, CleanQwik e MoveQwik. Dato che Civvl fa pubblicità in tutto il paese e che OnQall, sebbene non popolarissima, esiste, sembra che Civvl in realtà non sia altro che un tentativo di semplificare il processo di sfratto di persone che non possono pagare l’affitto durante una pandemia.

(…)

Tra l’altro, nelle recensioni negative su Google Play e App Store, gli utenti si lamentano di una tassa di iscrizione nascosta di 35 dollari per accedere alla piattaforma, e di una mancanza di lavoro una volta iscritti.

(…)

Negli Stati Uniti c’è un divieto federale di sfratto, dichiarato dal CDC, ma i padroni di casa stanno ancora cercando di fare pressioni. C’è una sanzione per la violazione del divieto, che può includere una combinazione di multe e di pene detentive. Civvl non ha risposto alle domande su come l’azienda garantisca la legalità degli sfratti, anche se, sulla base dei Termini di servizio, sembra passare tutti i rischi alle aziende che utilizzano la sua piattaforma, affermando che semplicemente “fornisce lead generation a contraenti indipendenti”, e non esegue effettivamente il lavoro in sé.

Un recente rapporto della CNN ha mostrato la straziante realtà del lavoro negli sfratti. Francisco Muñez, un traslocatore per un padrone di casa di Houston, piange mentre svuota l’appartamento di un’anziana signora. “Forse oggi è lei. Domani sono io”, ha detto al giornalista.

La Metropolitan Tenants Organization di Chicago gestisce una hotline per sostenere gli inquilini che hanno difficoltà a pagare l’affitto, così come i proprietari di casa che li chiudono illegalmente fuori dai loro appartamenti.

“Abbiamo visto più del doppio delle chiamate alla nostra hotline dall’inizio di marzo, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso”, ha detto a VICE Philip DeVon, uno specialista della prevenzione degli sfratti all’MTO. Hanno ricevuto più di quattrocento chiamate relative a serrate illegali (serrature cambiate dai padroni di casa). 

“È molto disonesto”, ha detto DeVon di Civvl. “E’ come dire: Oh, non chiamarci killer. Noi non premiamo il grilletto! Ti mettiamo solo in contatto con qualcuno che è disposto a farlo”.

Anche se c’è una moratoria del CDC sugli sfratti, ha detto DeVon, gli inquilini potrebbero non essere consapevoli di dover firmare un modulo di dichiarazione per impedirlo. Ci sono molti modi, ha spiegato, che i proprietari utilizzeranno, tra il legalese e la mancanza di informazioni per approfittare dell’ingenuità degli inquilini. In generale, raccomanda di documentare tutte le interazioni con il locatore e, se non sono avvenute via e-mail o sms, di scriverle e di inviarle al locatore per confermare tutta la trafila.

“Una cosa la sappiamo per esperienza, soprattutto per quanto riguarda l’edilizia abitativa: solo perché una cosa è tecnicamente legale, non significa che sia giusta, dal punto di vista etico”, ha detto DeVon. “Con questa particolare società, sembra che stiamo assistendo a quello che spesso fanno i proprietari, preda di una mancanza di conoscenza e di informazioni sui diritti delle persone”.

“Gli sfratti del tribunale sono in attesa”, ha detto a VICE Javier Ruiz, un consulente per i diritti degli inquilini dell’MTO. “Ma la maggior parte di queste società di gestione non sfrattano necessariamente le persone attraverso i tribunali. Stanno solo sfrattando le persone attraverso la pressione diretta”. Un’azienda come Civvl entra in questo contesto.

L’Autonomous Tenants Union (ATU – Unione autonoma degli inquilini), un’altra organizzazione con sede a Chicago, ha fornito una dichiarazione a VICE. La dichiarazione ha registrato un’impennata da marzo con richieste di aiuto da parte degli affittuari, alcuni che hanno a che fare con minacce di sfratto illegale, e altri che devono affrontare lo sfratto legale a causa delle scappatoie nei divieti di sfratto sia locali che federali.

“Il linguaggio di marketing di Civvl, che ritrae gli inquilini alla ricerca di una scusa per saltare i loro obblighi, non solo è di fatto impreciso, ma gioca a favore di un mito generale perpetuato dall’industria immobiliare per giustificare le loro pratiche commerciali di sfruttamento”.

Per un’azienda come la Civvl, l’ATU ha detto, è “una franca ammissione che il nostro sistema abitativo si basa sulla violenza”.

FONTE: https://www.vice.com/en/article/ep435n/gig-economy-company-launches-uber-but-for-evicting-people


Comments are closed.