Germania. Protesta contro la nuova dimostrazione di complottisti di destra a Walldorf

Riguardo alle passeggiate dei cosiddetti “Walldorfer Corona-Rebellen”e alle loro “passeggiate del lunedì”, dopo essere stato tranquillo per un certo periodo di tempo, lunedì 21 settembre Walldorf è diventato di nuovo il terreno di marcia di circa 60 fan della cospirazione sul Covid e nazionalisti di destra.
Tuttavia, questi potevano tenere il loro raduno solo di fronte a diverse e soprattutto rumorose proteste antifasciste.

Questa volta un’ampia alleanza formatasi tra la comunità ecclesiastica protestante, VVN-BdA, SPD, FDP, Verdi e l’organizzazione giovanile antifascista Antifaschistische Jugend Walldorf si è formata contro la riedizione delle dimostrazioni di destra sotto un nuovo nome.
Il coro dei tromboni della comunità protestante ha sostenuto musicalmente la controprotesta antifascista.
Tuttavia, le restrizioni ufficiali hanno costretto l’alleanza antifascista a protestare dietro la chiesa protestante centrale, cioè fuori dalla portata visiva e uditiva del raduno complottista/nazionalista nella piazza centrale davanti alla chiesa.

Naturalmente, alcuni antifascisti non hanno accettato questa schermatura della controprotesta e il corteggiamento della destra da parte delle autorità e così si sono riuniti spontaneamente davanti alla chiesa, dove hanno annunciato a gran voce per tutta la durata del raduno che i negazionisti/nazionalisti non avevano posto ad Astorstadt. Hanno cantato più e più volte “Ihr hängt mit Nazis rum!”  (“Tu esci con i nazisti!”) e così hanno attirato l’attenzione del sostenitore dell’AfD Ralph Bühler di Nußloch, presente al raduno nazionalista (maggiori informazioni su di lui nella nostra analisi delle passeggiate dell’ultimo lunedì).

La controprotesta antifascista, che ha visibilmente sconvolto la destra, è stata più volte ben accolta dai passanti di Walldorf, che hanno dimostrato che anche loro non volevano che avvenisse la marcia di destra.

Anche il movimento di destra non ha trovato alcuna risonanza con la comunità ecclesiastica protestante. Invece, le campane della chiesa hanno suonato ancora prima delle 19:00 e hanno soffocato le loro chiacchiere! Un chiaro segno che a Walldorf non c’è spazio per i miti cospirazionisti antisemitici e il revisionismo storico.

L’autorità di polizia era in servizio con una dozzina di agenti, ma non ha potuto impedire un violento attacco da parte di un cosiddetto “ribelle” che ha cercato invano di abbattere uno striscione antifascista. Diversi antifascisti sono stati ripresi con gli smartphone direttamente davanti ai loro volti e i fasci hanno cercato di fotografare la gente.

Più tardi, in serata, gli antifascisti sono stati descritti nel rapporto dimostrativo ufficiale del “Kandel-Team” come “scimmie urlatrici”. Inoltre sono stati minacciati, poiché i loro “volti e nomi” non saranno dimenticati. Una persona che declassa le persone in questo modo e le minaccia apertamente di persecuzione non fa altro che dimostrare che non vuole difendere i diritti fondamentali, ma appartiene esattamente al gruppo di persone contro cui vale la pena scendere in piazza!

Non ci lasceremo intimidire da tali minacce e diffamazioni e torneremo per le strade se la destra oserà entrare di nuovo nel centro della nostra città!

A questo punto vogliamo ringraziare tutte le persone che hanno partecipato in qualche modo all’importante controprotesta.

Tradotto da: https://ajw190.noblogs.org/post/2020/09/24/lauter-protest-gegen-neuauflage-der-walldorfer-corona-demos/


Comments are closed.