L’India alla prova del Coronavirus

Come l’India sta affrontando la pandemia da coronavirus

25 marzo 2020, da https://contropiano.org

 

Abbiamo tradotto questo articolo pubblicato dal “Financial Times” il 20 marzo e scritto a quattro mani da Amy Kazmin e Jyotsna Singh dal titolo originale: “L’India si prepara a un attacco di coronavirus mentre alcune parti del Paese vengono chiuse” (https://www.ft.com/content/1eb64428-69ff-11ea-800d-da70cff6e4d3). L’attuale primo ministro indiano esorta il miliardo e trecento milioni di suoi concittadini a rimanere a casa poiché la malattia minaccia milioni di persone nelle città congestionate.

Fino ad adesso le misure attuate sono state di fatto la chiusura dei confini a cominciare dalle persone provenienti dalla Cina e poi estese ad altri, e i controlli alle persone che tornavano dall’estero, con un bassissimo numero di test effettuati sulla popolazione, 15 mila a venerdì.

Come ha riportato in una inchiesta del 24 febbraio sempre il “FT”: «il contagio del coronavirus ha messo a nudo la dipendenza dall’India dalla Cina rispetto a qualsiasi cosa dall’importazione dei prodotti elettronici alle macchine utensili e ai componenti chimici organici», in particolare l’industria farmaceutica indiana si è scoperta vulnerabile per la carenza di componenti provenienti in particolare da Hubei e da Henan.

Circa il 70% di alcuni componenti fondamentali per produrre farmaci provengono dalla Cina, cifra che sale al 100% rispetto agli antibiotici e agli antipiretici. Questo ha fatto alzare i prezzi e ridotto alquanto le scorte delle industrie farmaceutiche, in particolare le più piccole.

Un grosso deficit quindi, che mina la “supposta” autonomia dello sviluppo del gigante asiatico in questo settore strategico in questa fase.

La gestione della pandemia è un test maggiore per l’attuale governo già bersaglio di numerose proteste per la sua politica discriminatoria nei confronti dei cittadini mussulmani, l’occupazione del Kashmir della scorsa estate, e al centro delle recriminazioni di un forte movimento operaio organizzato e di una agguerrita compagine di organizzazioni comuniste.

Il sistema sanitario indiano ha delle carenze strutturali che lo collocano ai livelli più bassi dei Paesi Emergenti che potrebbe non reggere allo stress test pandemico.

L’India ha un sistema sanitario stratificato con le classi abbienti che posso rivolgersi a dei centri d’eccellenza privati della “white economy” come Apolio Hospitals, Max India o Fortis Healthcare.

Ha un sistema pubblico-privato con una scarsa qualità del primo (solo il 3% dei 18.000 ospedali pubblici è d’eccellenza ed è certificato) ed un secondo che ha speculato sulla salute degli indiani e che viste le mancanze strutturali del pubblico ha fatto sì che «nelle zone dell’India rurale, a volte gli ospedali privati di dimensioni ridotte siano i primi centri di cura», riporta Priyanka Vora in un inchiesta del “FT” sulla sanità del novembre scorso.

L’India ha un medico del settore pubblico su 10,189 abitanti, ed una mancanza stimata di personale di 18,8 milioni di unità nelle sue strutture sanitarie pubbliche, con una mancanza cronica di specializzazioni in particolare di cardiologi, oncologi e chirurghi.

Il 70% delle cure è a spese dei cittadini indiani, con 63 milioni di persone spinte ogni anno verso la povertà a causa delle spese mediche.

Nonostante questo la spesa pro-capite è una delle più basse al mondo, e le persone spesso non finiscono i trattamenti che sarebbero necessari perché terminano le risorse economiche.

Alla base vi è una mancanza diagnostica nei confronti della maggioranza della popolazione e di cura delle malattie minori, che ha conseguenze nefaste sullo stato di salute dei cittadini e si ripercuote sull’aspettativa di vita che è tra le più basse tra i Paesi emergenti.

Prima della nuova riforma sanitaria attuata da Modi, nel 2008 era stato attuato un sistema di copertura assicurativo – l’acronimo è RSBY – che è riuscito a coprire 36 milioni di persone, ma che per la disinformazione promossa dagli operatori privati e la “complicità” del governo non ha reso edotta la popolazione delle cure e delle cliniche di cui poteva godere grazie alla copertura, facendo si che i cittadini si sono ritrovati a dovere poi pagare di tasca propria i trattamenti ricevuti.

Il “Medicare” varato a fine 2018 da Modi – “Ayushman Bharat” – è un sistema di assistenza privata completamente finanziata dallo Stato che provvede alla copertura di cure mediche per circa 7.000 dollari a più di 100 milioni di famiglie povere, circa mezzo miliardo di persone, con l’estensione a tutta la popolazione prevista del 2030.

Una riforma che ha ricevuto una certa attenzione dai big della sanità privata a livello mondiale.

Nel corso degli anni le malattie contagiose hanno drasticamente diminuito il loro impatto come causa della morte degli indiani, era il 60,9% nel 1990 e più di un quarto di secolo dopo nel 2016 era il 32,7%, mentre il tasso di morte per le non contagiose è passato dal 30% al 55,4%.

Per il modello di sviluppo indiano, minato da queste criticità e per il Primo Ministro, la prova pandemica sarà una sfida “epocale” che muterà il destino del gigante asiatico.

Buona lettura.

********

Alla periferia di Nuova Delhi, gli appartamenti vuoti vengono riutilizzati come centri di quarantena. Scuole, college, centri commerciali, cinema, ristoranti e siti turistici in tutta l’India – incluso il Taj Mahal – sono stati chiusi. Agli ospedali è stato chiesto di rinviare la chirurgia elettiva.

Il paese si sta ora preparando a un’ondata di infezioni da coronavirus – anche se Narendra Modi, il primo ministro, ha fatto appello a 1,3 miliardi di indiani per rimanere il più possibile a casa nei prossimi giorni per evitare il tipo di “esplosione” di casi che ha travolto paesi molto più sviluppati.

“Negli ultimi giorni abbiamo visto che le persone pensano che siamo al sicuro dal coronavirus”, ha detto Modi giovedì sera in un raro discorso televisivo in prima serata. “Questo non è giusto. Non possiamo ritenerci soddisfatti delle misure prese”.

Paragonando la situazione ad un periodo bellico, ha invitato gli indiani a “mostrare determinazione e moderazione” per ridurre le loro attività. “Faccio appello ai cittadini nelle prossime settimane affinché escano solo per l’essenziale, per quanto possibile”, ha affermato.

Modi ha anche chiesto a tutti gli indiani, ad eccezione dei lavoratori dei servizi essenziali, di osservare un “coprifuoco” tutto il giorno la domenica, rimanendo nelle loro case dalle 7 alle 21 come dimostrazione simbolica della determinazione nazionale.

Ma nonostante gli appelli dell’onorevole Modi per il cambiamento comportamentale e il graduale aumento delle restrizioni – lo stato del Maharashtra, sede della capitale finanziaria Mumbai, questa settimana ha ordinato la chiusura di tutti i luoghi di lavoro fino al 31 marzo – gli esperti di sanità pubblica affermano che quel che accadrà nelle prossime settimane sarà critico. Gli eventi determineranno se l’India può prevenire il tipo di devastante epidemia di coronavirus che travolgerebbe il suo sistema sanitario cronicamente sotto-finanziato e già sovraccarico.

Altrimenti, il paese – in cui gran parte della popolazione è stipata in città congestionate – deve affrontare la prospettiva di milioni di malati di virus, molti dei quali moriranno a causa della scarsa salute di base o della loro incapacità di accedere a cure adeguate.

Anche nel migliore dei casi, il sistema sanitario indiano è gravemente messo a dura prova, con un solo medico ogni 1.600 persone, molto meno dell’1 per 1.000 raccomandato dall’Organizzazione mondiale della sanità.

“Questo è un periodo cruciale per noi”, ha dichiarato K. Sujatha Rao, un ex segretario alla salute e autore di un libro sulle debolezze del sistema sanitario indiano. “È in questa finestra che potremo sapere se abbiamo di fronte a noi una dura battaglia di lunga durata oppure se, ed è quello che speriamo, siamo stati fortunati”.

Quando l’agente patogeno ha iniziato la sua diffusione globale, l’India si è mossa rapidamente per cercare di isolarsi, imponendo una rete crescente di restrizioni ai viaggiatori dei paesi più colpiti, a partire dall’inizio di febbraio con un divieto de facto ai visitatori cinesi. L’11 marzo, Nuova Delhi ha chiuso l’India praticamente a tutti i visitatori stranieri fino al 15 aprile.

In casa, i funzionari hanno esaminato gli indiani di ritorno da viaggi all’estero e testato quelli con sintomi della malattia. Se le persone si sono dimostrate positive, i loro contatti, compresi familiari, amici e colleghi di lavoro, sono stati rintracciati e messi sotto sorveglianza.

Finora, il carico di lavoro dichiarato dell’India è rimasto gestibile. A partire da sabato (e quindi dal 14 marzo 2020 a venerdì 20 marzo data di uscita dell’articolo sul Financial Time, ndr.), il Paese ha avuto 275 casi confermati, inclusi turisti stranieri, principalmente dall’Italia e dall’Indonesia. Di questi, 20 sono guariti e cinque sono morti.

Gli ufficiali sanitari insistono sul fatto che non ci sono ancora prove che il coronavirus circoli ampiamente nella comunità e che tutti gli indiani infetti fossero stati recentemente all’estero o fossero in diretto contatto con qualcuno che ci era stato.

“In India, non ci sono ancora prove della trasmissione della comunità”, ha detto Lav Agarwal, un alto funzionario del ministero della salute. “Ci aspettiamo di lavorare davvero duramente – e di ottenere il sostegno della comunità in generale – per rimanere in questa maniera”.

Ma esperti indipendenti temono che l’India possa seriamente sottovalutare l’entità del suo carico di lavoro a causa del protocollo di test restrittivo del paese, in cui vengono testati solo i viaggiatori di ritorno che mostrano sintomi o i loro contatti diretti. A partire da venerdì, i funzionari sanitari hanno testato circa 15.000 persone, una delle percentuali di test più basse in Asia.

“Penso che non stiano testando nemmeno lontanamente abbastanza: dovrebbero testare da 10 a 20 volte di più di quanto stiamo facendo”, ha detto Ramanan Laxminarayan, collega senior presso il Center for Disease Dynamics, Economics and Policy. “[Ciò] ci darebbe quantomeno un vero senso del carico di lavoro e migliorerebbe la loro tracciabilità dei contatti”.

Il pericolo era che persone con sintomi minori potessero già aver involontariamente diffuso il virus, ha detto. “È estremamente trasmissibile”, ha detto. “È una tempesta perfetta quella cui ci troviamo di fronte.”

Poiché i casi sono aumentati drasticamente nei giorni scorsi, Nuova Delhi ha ulteriormente inasprito le restrizioni di viaggio, annunciando giovedì che nessun volo di passeggeri commerciali sarà autorizzato ad atterrare per una settimana, a partire da mezzanotte di sabato.

Le autorità sperano che l’appello televisivo di Modi indurrà gli indiani a isolarsi per quanto possibile in una società densamente popolata e orientata alla famiglia. Anche i servizi di trasporto interno vengono frenati per scoraggiare i movimenti pubblici.

Ma alla fine gli esperti di salute affermano che l’India ha bisogno di ampliare radicalmente i suoi test se spera di contenere il virus. “La curva sta diventando sempre più ripida e onestamente credo che dobbiamo testare di più – ciò che non puoi misurare, non puoi controllare”, ha affermato Shahid Jameel, amministratore delegato di Wellcome Trust / DBT India Alliance, un’associazione di ricerca biomedica.

Le autorità sanitarie stanno anche cercando di rafforzare il sistema sanitario, che dovrebbe avere circa 70.000 letti di terapia intensiva. “Il sistema dovrà essere frenetico nei prossimi 10 giorni e creare molta capacità”, ha dichiarato Laxminarayan. “Deve essere come uno sforzo in tempo di guerra.”

***

FONTE: https://contropiano.org/news/internazionale-news/2020/03/25/lindia-alla-prova-del-coronavirus-0125836


Comments are closed.